48979362_10216749672326434_3930601340262

STATEMENT

Mi piace definirmi “cresciuta a pane e colori”, fin da piccola ho ereditato la passione paterna.

Dall’imbrattare liberamente piccole tele, dal mescolare casualmente i colori, inizio a fare scoperte e a provare meraviglia… è stato così semplice e naturale innamorarmi perdutamente dell’Arte ed in particolare di quella visiva!

Inizio così la mia formazione in ambito artistico frequentando l'Istituto statale d'arte "A.Frangipane" (RC); abbraccio, in seguito, la razionalità e la pulizia delle forme del mondo dell’Architettura, laureandomi in Storia e Conservazione dei Beni Architettonici ed Ambientali ed in Scienze dell'Architettura (RC).

Trovo la mia vera strada specializzandomi in Teoria e Pratica della Terapeutica Artistica presso l’Accademia di Brera, a Milano nel 2017.

La mia formazione mi porta a definirmi, quindi, un’artista terapista.

Appendice contemporanea nel mondo delle discipline artistiche, affine alla sfera delle materie psicologiche da cui prende riferimento per mettere a punto la sua metodologia teorico-pratica, la Terapeutica Artistica è,

in poche parole, un’Arte di tipo sociale, al servizio della comunità.

Pur credendo fermamente in questa nascente, positiva e ancora sperimentale disciplina, ho sentito

il bisogno, ad un certo punto, di separare, ma mai completamente del tutto, i miei modi di fare Arte.

Dover camminare su due strade parallele: la mia arte verso il prossimo e la mia ricerca artistica personale.

Un egoistico ma più che giustificabile motivo, quello che mi permette di continuare a stare in piedi come artista, mossa dal bisogno di creare qualcosa che sia solo mio, che permetta di

interrogarmi e provare a comunicare il mio sentire attraverso la creazione delle mie opere, che sia in primis per me terapeutico, che appaghi profondamente la mia anima.

La mia ricerca artistica, in qualità di artista visiva, è in un certo senso il riflesso del mio essere: un'anima libera, curiosa e sognatrice.

Dopo aver sperimentato per anni con diverse tecniche e materiali, seguendo vari stili, nel 2020 durante la prima pandemia di Coronoravirus nasce il primo "Ideale". Dal 2020 inseguo i miei "Ideali", perfetta sintesi della mia poetica e del mio percorso formativo in quanto a meta' tra rigore delle forme ed estro creativo.